I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni

Home / Progetti / Un trattore per Ingorè

Un trattore per Ingorè

Stato: In Corso   Anno: 2004

Durata: 2 anni   Ambito: Socio-economico

single project

Il progetto Un trattore per Ingoré, prende le mosse a settembre 2004 e prevede l'acquisto di un trattore ed alcuni attrezzi agricoli per Ingoré, villaggio distante circa 70 km dalla capitale Bissau. La Guinea Bissau è uno dei paesi più poveri del mondo. La popolazione vive organizzata in villaggi rurali. La terra Bissau è fertile e il clima tropicale è adatto a colture d'ogni genere. Nonostante ci sia abbondanza di terra arabile, solo meno della metà è in uso con poche coltivazioni tradizionali: cajù, arachidi, mais e riso che è il principale prodotto nazionale. Ingoré si sviluppa lungo la Transafricana, l'unica strada di grande comunicazione asfaltata che attraversa l'intero paese. Ad Ingoré fanno capo anche gli abitanti di una miriade di villaggi più piccoli e isolati. Ciò che ne fa un punto di riferimento per i guineani dell'area è la presenza di strutture sanitarie e scolastiche: un ambulatorio, un piccolo ospedale  per bambini, un asilo e una scuola di sartoria. Ad eccezione dell'ambulatorio che è pubblico, tutto il resto è stato impiantato dai missionari che si sono insediati a Ingoré 19 anni fa. È necessario rimettere in moto la produttività di questo Paese, bloccato da anni di guerra civile. Per farlo l'Associazione, di comune accordo con Suor Romana, ha pensato al progetto Un trattore per Ingoré, che possa ottimizzare il lavoro nei campi e dare la speranza di riuscire ad arare, seminare e irrorare anche nel lungo periodo di siccità. Per la realizzazione del progetto S.ol.co. ha coinvolto amministrazioni, imprese e singole persone per l'acquisto del trattore. Con l'aiuto degli amici di FOTOLITO 38 che hanno deciso di contribuire sostenendo per intero le spese del calendario 2005 il progetto si conclude in soli tre mesi.

  • Condividi il progetto